9/8/20

ERBARIO - Margherita

 Margherite - Leucanthemum vulgare.

Gli gnomi tramandano tra loro la memoria dell’antichità, durante il Medioevo, quando le donne decoravano lo scudo del cavaliere di cui erano innamorate con delle margherite e quando accettavano una proposta di matrimonio cingevano il proprio capo con una corona di Leucanthemum vulgare.

continua 

⇩⇩⇩




Sembra che Margherita di Provenza quando era regina di Francia sfogliasse i petali del delicato fiore contando i giorni che la separavano dal ritorno di Luigi IX, prigioniero dei Saraceni. Quando il marito tornò a casa, la sovrana gli consegnò tutti i petali che aveva conservato come testimonianza del suo fedele amore.

Gli gnomi norreni dicono che le margherite, in particolare le pratoline, sono i fiori di Freyja la dea dell’amore, della fertilità e delle virtù profetiche. In Inghilterra, invece, vecchi gnomi dicono che la primavera non arriva fino a quando non è possibile calpestare dodici margherite.



ENGLISH READING

⇩⇩⇩


Gnomes pass on to each other the memory of antiquity, during the Middle Ages, when women decorated the shield of the knight they were in love with with daisies and when they accepted a marriage proposal they encircled their heads with a crown of Leucanthemum vulgare.

It seems that Margaret of Provence, when she was Queen of France, would leaf through the petals of the delicate flower, counting the days until the return of Louis IX, prisoner of the Saracens. When her husband returned home, she gave him all the petals she had kept as a token of her faithful love.

The Norse gnomes say that daisies, especially daisies, are the flowers of Freyja the goddess of love, fertility and prophetic virtues. In England, on the other hand, old gnomes say that spring does not come until twelve daisies can be stepped on.

No comments:

Post a Comment

every opinion is fruitful

La TOTO PROZESSION - leggenda Walser

 Tôtô- Prozession (processione dei morti) © foto Genepio La Tôtô- Prozession (processione dei morti) ha sempre spaventato chi l’ascoltava n...